CALENDARIO MANIFESTAZIONI DICEMBRE 2020

Il progetto è vincitore dell’Avviso Pubblico Centenario Garbatella, fa parte di ROMARAMA 2020 il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, ed è realizzato in collaborazione con SIAE

Caccia al tesoro
  • 13 Dicembre 2020 ore 11:30 ingresso libero
    Caccia al tesoro alla scoperta dei luoghi e curiosità della Garbatella

 

L’attività sarà organizzata a due livelli, una per le famiglie, adulti e bambini (dai 6 anni in su) e l’altra ridotta per bambini e ragazzi (dai 7 anni ai 13, studenti di primaria e secondaria), seguiti, per ogni gruppo, da un adulto che supervisionerà l’itinerario e garantirà la sicurezza.

La finalità è quella di coinvolgere i partecipanti alla scoperta dell’architettura del rione, ma anche delle curiosità e della vita quotidiana. L’itinerario sarà diviso in tappe a cui arrivare attraverso semplici ed intuitivi indovinelli corredati da una piccola prova per ogni meta, come ad esempio farsi prestare un oggetto, o fotografare un dettaglio richiesto, in modo da rendere il percorso coinvolgente per tutti i partecipanti.

Il gioco sarà strutturato in modo da seguire tutti i protocolli anti-Covid e quindi i percorsi non si sovrapporranno, così come i partecipanti per ogni gruppo saranno limitati, se non dello stesso nucleo famigliare; ogni punto d’arrivo sarà distanziato.

L’itinerario completo, quello più lungo, partirà da Piazza B. Brin, per proseguire al Teatro Palladium, al Bar dei Cesaroni, Fontana Carlotta con la scalinata e terminare agli Alberghi Rossi; l’altro sarà ridotto. Nel materiale fornito ci saranno delle spiegazioni sintetiche dei luoghi da percorrere come introduzione agli indovinelli in modo da far fissare brevi contenuti sulla storia della Garbatella attraverso il gioco.

 

L’evento si terrà il giorno 13 Dicembre 2020 alle ore 11:30 (ingresso libero previa richiesta da inviare per email all’indirizzo segreteria@operainroma.com)

Un obiettivo sulla Garbatella

Un Obiettivo sulla Garbatella – progetto fotografico di Sergio Battista

La fotografia si nutre di silenzi che scaturiscono dalla lettura, per lo più inconscia, di linee compositive, curve e contrasti. Fin dalla sua nascita, intorno alla metà dell’800, ha “congelato” e prolungato in memoria spazi urbani della nascente società di massa, spesso caotici, che impressi prima su lastra, poi su pellicola, riuscivano ad appropriarsi del loro silenzio.

Poi c’è Roma, l’Urbe carica di storia; c’è Roma con i suoi monumenti di fama mondiale, presenti, stampati in un rettangolo, negli album fotografici presenti nelle librerie di tutto il mondo. Ma questo è ciò che vedono tutti e al quale non si fa più caso.

Lasciando per un po’ la magniloquenza del centro della città, non lontano dalla Via Ostiense troviamo la Garbatella, quello che considero il “cuore silente di Roma”, un quartiere che con il dedalo delle sue viuzze, le sue piazze, la sua chiesa e il suo teatro sembra un paese incistato in un corpo più grande: quella che può sembrare una Roma minore, è invece diventata, durante i suoi cento anni di storia, la Roma più vera, nel momento in cui la città monumentale assurge al ruolo di Luna Park del turismo di massa.

Fotografare la Garbatella, quindi, assume un valore documentario e poetico insieme, teso (e la fotografia in bianco e nero viene in nostro ausilio) a scoprirne l’anima in silenzio, dove il semplice atto di guardare un’immagine fotografica ci permette di “ascoltare” l’anima verace di una città che ha preferito spostarsi un po’ più in là per rimanere se stessa.

L’evento sarà visibile online dal giorno 15 Dicembre 2020 alle ore 19:00

Se sta scala potesse parlà
  • Spettacolo “Se sta scala potesse parlà”

Spettacolo musicale scritto e diretto da Erika Provinzano, con Clelia Liguori (voce recitante e canto), Erika Provinzano (voce recitante e canto), Luigi Montagna (chitarra) e Valerio De Negri (clarinetto).

Una fontana, una romantica scalinata in un angolo di Roma: ‘SE STA SCALA POTESSE PARLA’ è un viaggio in musica, tra realtà e sogno, attraverso 14 storie. Storie d’amore, di coraggio, di delusione e di speranza, guidati da Carlotta, anima della Garbatella, testimone “garbata” e silenziosa di gioie e dolori quotidiani, antichi ma sempre nuovi come l’acqua che sgorga incessantemente dalla fontana che porta il suo nome.

Brani come “Cento Campane, Serenata Sincera, Vecchia Roma, Roma Nun Fa La Stupida Stasera” faranno da cornice alle storie raccontate da Carlotta.

 

L’evento sarà visibile online dal giorno 18 Dicembre 2020 alle ore 19:00

Storie in soffitta
  • Spettacolo teatrale per bambini “Storie in soffitta” e storia del Teatro Mongiovino alla Garbatella

Uno spettacolo su un tema classico del teatro per ragazzi: il gioco, il gioco che nasce dalla semplicità dell’oggetto animato e dalle relazioni tra i soggetti che lo conducono.

Due fratelli decidono di andare di andare in soffitta ad aprire un baule dove il nonno custodisce un diario su cui ha scritto le storie da raccontare ai suoi nipotini; la vista però di oggetti vari e sparsi, scatena la fantasia dei due, che tornano improvvisamente bambini, e che cominciano a raccontarsi delle nuove storie.

Un ombrellino triste che restava sempre chiuso perché nel Paese dove viveva non pioveva mai, una forchetta lucida lucida, con i denti d’argento, le altre posate l’ammiravano, alcune la volevano in sposa, ma lei aspettava di incontrare il vero amore, una palla che per sbaglio una principessa maldestra lasciò cadere in uno stagno dove viveva un ranocchio, un gomitolo di lana magico che un giorno indicò ad una bambina la strada per tornare a casa da lungo un viaggio.

Un incessante susseguirsi di storie e divertenti gag che sembrano non fermarsi mai.

Verranno inoltre presentate delle slides e dei brevi video che racconteranno la storia del Teatro Mongiovino e delle sue storiche marionette.

L’evento sarà visibile online dal giorno 22 Dicembre 2020 alle ore 19:00

Garbatella, o cara
  • “Garbatella, o cara”, 100 anni di racconti ed aneddoti

Performance teatrale a cura di Anna Maria Achilli, con Massimo Wertmüller e Anna Maria Achilli.

La “romanità” di uno dei quartieri più caratteristici della Capitale, la storia di una particolare comunità, democratica e solidale che durante la seconda guerra mondiale fu rione partigiano, raccontata tra Cinema, Poesia, Architettura e aneddoti popolari, da due straordinari interpreti nati in Via delle Sette Chiese, nella nota clinica “Villa Letizia”, sede, tra gli anni cinquanta e sessanta, di un eccellente reparto maternità.

Una performance teatrale dedicata al caratteristico quartiere romano, in occasione del suo centenario, con letture tratte da alcune opere di Pier Paolo Pasolini, e con poesie di Trilussa, Giuseppe Gioachino Belli ed altri.

 

L’evento sarà visibile online dal giorno 27 Dicembre 2020 alle ore 19:00

I Sonatori del borgo
  • Concerto di musica romana “I Sonatori del borgo” alla Garbatella

Un concerto di musica romana con violino (Valerio Conti), chitarra (Paolo Rainaldi) e voce (Clelia Liguori)

L’evento sarà visibile online dal giorno 30 Dicembre 2020 alle ore 19:00